NEWS

Coronavirus, il nuovo DPCM: scatta il coprifuoco, Italia divisa in aree gialle, arancioni e rosse

Ecco quanto prevede il nuovo DPCM pubblicato in Gazzetta Ufficiale oggi 4 Novembre 2020, il testo integrale- Coronavirus-

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il DPCM del 3 novembre contenente le nuove misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19: entreranno in vigore domani, 5 novembre, e saranno efficaci fino al 3 dicembre.

Cosa prevede dunque il nuovo DPCM sul Coronavirus? “Dalle ore 22.00 alle ore 5.00 del giorno successivo – si legge nel testo firmato ieri, poco prima della mezzanotte, dal premier Giuseppe Conte – sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È in ogni caso fortemente raccomandato, per la restante parte della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi“.

Non è prevista nessuna zona verde, perché tutta l’Italia deve fronteggiare l’emergenza, anche nelle aree meno colpite dal virus. L’Italia, nell’ultimo DPCM appena pubblicato in Gazzetta ufficiale, è divisa in tre aree, giallearancioni e rosse. Nel testo del provvedimento non si fa alcun accenno ai colori, nemmeno per le Regioni che a partire da domani di fatto entreranno in lockdown.
Gli addetti ai lavori hanno precisato all’Adnkronos che non si può parlare di zone verdi, “perché l’emergenza c’è e nessun area è esclusa“, dunque giallo, arancione e rosso saranno i colori a cui, a partire da oggi, faremo riferimento sulle misure che verranno adottate per fermare la corsa del virus.

Coronavirus- Dettagli:


Imposto lo stop agli spostamenti tra Regioni “arancioni” e “rosse”, se non per motivi di lavoro, salute e comprovata urgenza, mentre restano consentiti gli spostamenti tra Regioni “gialle’”, ovvero quelle in cui il rischio è più basso.
Prevista la didattica a distanza al 100% per le superiori, uso delle mascherine per tutti, tranne i bambini al di sotto dei 6 anni, ancora stop alle gite e riunioni di organi collegiali solo da remoto.
Il testo finale del DPCM non vieta di operare, a differenza di quanto previsto nell’ultima bozza, allenavi da crociera battenti bandiera italiana: “I servizi di crociera da parte delle navi passeggeri di bandiera italiana possono essere svolti solo nel rispetto delle specifiche linee guida di cui all’allegato 17 del presente decreto“.

Stop ai musei – che non saranno aperti al pubblico – chiusi i centri commerciali nel weekend, nei festivi e prefestivi.

Attività fisica solo vicino casa e da soli: nelle regioni rosse, quelle dove da domani partirà il lockdown, è infatti “consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie; è altresì consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale

Articoli Correlati

Controlla anche
Close
Back to top button