NEWS

Coronavirus, le regioni chiedono nuovi divieti spostamenti e riaperture teatri, cinema e palestre

Anche se non è ancora stato convocato, regioni e ministero della salute chiedono la convocazione di un Consiglio dei ministri ad hoc per scrivere un nuovo decreto legge di proroga al 5 marzo per il blocco degli spostamenti. Alla richiesta di Roberto Speranza si unisce anche il Ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia. Le regioni temono il diffondersi del contagio parallelo alla campagna vaccinale che sta andando avanti.

L’intervento Conferenza delle Regioni

Al momento lo stop agli spostameti tra regioni anche quelle gialle è in vigore fino al 15 febbraio. “L’orientamento della Conferenza delle Regioni è di richiedere di prorogare il Dl che vieta gli spostamenti da una Regione all’altra, anche per la zona gialla. Nelle prossime ore comunicherò tale orientamento al ministro Francesco Boccia che aveva chiesto il nostro parere nel corso dell’ultima Conferenza Stato-Regioni, oltre che al Presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi.” “Al nuovo Governo chiederemo un incontro per una discussione a 360 gradi sul nuovo Dpcm, per valutare le possibili graduali riaperture di alcune attività nel rispetto di tutti i protocolli di prevenzione”. Dichiarazioni del Presidente Stefano Bonaccini, a margine della Conferenza delle Regioni.

È emersa però anche la volontà di riaprire con gradualità cinema, palestre e teatri adottando ingressi contingentali e rigidi protocolli anti contagio per la prevenzione.

Informazione del giorno: lo studio sulle due mascherine

Da un’abitudine di maggiore prevenzione ne è derivato uno studio e poi un consiglio medico. Indossare due mascherine chirurgiche oppure una chirurgica e una di stoffa protegge dal nuovo coronavirus fino al 95%. La ricerca e la conferma è dei Centri per il controllo americani per la prevenzione delle malattie.

In laboratorio è stato fatto un esperimento attraverso due teste artificiali. Indossare o una maschera chirurga o una maschera di stoffa blocca il virus del 40% per via delle particelle inalate.

Indossare una mascherina di stoffa più quella chirurgica sale dell’80% la protezione almeno di uno delle teste. sE entrambe le potenziali persone indossano due mascherine allontanano il pericolo del contagio al 95%.

Il problema rimane la qualità della mascherina, i ricercatori infatti hanno utilizzato quelle di qualità chirurgica e un tipo solo di protezione in tessuto. Le mascherine che compreremmo in farmacia o nei negozi che le distribuiscono, come i supermercati, dovrebbero rispettare la qualità di quelle usate per i test. Per ora i medici puntano a migliorare l’uso della singola mascherina, spesso indossata male o non indossata. Sull’uso delle due mascherine, una di stoffa sopra quella chirurgica ammettono che aumenta la vestibilità e la capacità di proteggere meglio bocca e naso grazie ad una copertura extra. (Fonte: Ansa – salute e benessere)

Rimani aggiornato con i link rapidi di previsioni

Articoli Correlati

Controlla anche
Close
Back to top button