METEO LUNGO TERMINENEWS

Esperto: prima NEVE? A metà SETTEMBRE. Annuncio schock

Molti si chiedono quando potrà arrivare la prima neve dopo il grande caldo. Ebbene, come di consueto lo abbiamo chiesto ad un noto esperto che aveva già previsto COME POTETE LEGGERE QUI, la tendenza dell’ estate 2021 in modo PERFETTO.

Prima neve

Dal 15 settembre 2021 L’Italia si appresta a vivere la prima robusta ondata di maltempo della stagionale autunnale. L’intensa perturbazione, che caratterizzerà il meteo dell’ultima parte del mese, sarà alimentata dalla discesa d’aria piuttosto fredda dalle alte latitudini.

Questo flusso freddo sarà agevolato dalla risalita verso nord dell’anticiclone delle Azzorre, in Aperto Atlantico fin verso la Groenlandia. Aria polare si andrà così ad incanalare in seno alla saccatura, che affonderà fin sul Mediterraneo e sull’Italia.

PRIMA NEVE SU ALPI E APPENNINO?

Il nostro Paese sarà quindi obiettivo del maltempo, in virtù dei contrasti termici esagerati che si innescheranno favorendo fenomeni molto intensi. Il brusco calo termico favorirà la comparsa della prima neve sulle Alpi, ma persino in Appennino.

Vediamo quindi nel dettaglio cosa aspettarci. L’aria fredda si addosserà all’Arco Alpino nelle prime ore di venerdì, per poi riversarsi rapidamente sull’Italia Centro-Settentrionale in seno al transito frontale principale. La quota neve scenderà notevolmente, favorita anche in corrispondenza dei fenomeni intensi.

PRIMA NEVE: A QUALI QUOTE?

Sulle Alpi i fiocchi si porteranno fin sotto i 1500 metri nella seconda parte di venerdì, con temporanei sconfinamenti più in basso soprattutto sulle aree confinali. Spruzzate di neve raggiungeranno anche le cime più elevate dell’Appennino Centro-Settentrionale, attorno ai 1800/2000 metri.

Sabato il tempo migliorerà in genere al Nord per l’ingresso ancor più marcato del flusso di correnti settentrionali. Nuove nevicate interesseranno le Alpi, soprattutto le aree confinali, più intense in Valle d’Aosta. La quota neve scenderà ulteriormente, portandosi attorno ai 1000-1200 metri.

DAL 15 AL 30 SETTEMBRE POSSIBILE FASE TARDO-AUTUNNALE?

In questa fase avremo infatti l’apice del raffreddamento, che poi nel weekend si farà sentire anche su tutto il Centro-Sud, dove si approfondirà un vortice depressionario. Se questa evoluzione venisse confermata, domenica le nevicate potrebbero coinvolgere più direttamente l’Appennino, fino ai 1400-1500 metri.

La neve interesserebbe in particolare i versanti adriatici dell’Appennino Centro-Settentrionale. Avremo quindi un weekend davvero avverso e dal sapore incredibilmente tardo autunnale, con temperature che si porteranno abbondantemente sotto le medie stagionali.

Non perdere queste informazioni

Articoli Correlati

Back to top button