METEO OGGI

Meteo: caldo quasi estivo ma attenzione alle NEBBIE

L’alta pressione, in inverno, ha due facce della stessa medaglia. Nei prossimi giorni assisteremo ad una decisa rimonta anticiclonica che, se da una parte garantirà una maggiore stabilità atmosferica, proteggendoci anche dalle perturbazioni atlantiche, dall’altra non garantirà affatto il sole su tutta l’Italia.

METEO, NEBBIE CHE INVADONO ALCUNE AREE DELL’ITALIA


Il rovescio dell’anticiclone, quello foriero di nubi basse e nebbie,colpirà soprattutto le pianure del Nord con un aumento purtroppo anche dei livelli di inquinamento.

ZONE A RISCHIO, METEO PREVISTO


Scopriamo subito l’evoluzione prevista e le  zone maggiormente a rischio.

Nel corso della settimana un vasto campo di alta pressione si espanderà dalle coste del Nord Africa fino ad abbracciare buona parte del bacino del Mediterraneo e allungarsi fin verso la Francia e la Germania.

Tuttavia, durante la stagione fredda, la stasi atmosferica produce un ristagno dell’aria nei bassi strati specie in Valpadana, con conseguente formazione di alcune nebbie o nubi basse e con un aumento, purtroppo, anche delle sostanze inquinanti.

IL DETTAGLIO METEO DELLA NEBBIA

Secondo gli ultimi aggiornamenti a nostra disposizione, le zone a maggior rischio di nebbia nel corso dell’inizio della settimana saranno quelle pianeggianti del Nord.

Nel dettaglio, banchi di nebbia e cieli grigi si presenteranno, soprattutto durante la notte e al primo mattino su bassa LombardiaEmilia RomagnaVeneto Friuli Venezia Giulia.


Ma lo stesso effetto potremo averlo anche lungo le coste, specie della Liguria (Maccaja)in termine tecnico vengono definite “nebbie d’avvezione” o “nebbie di mare” e si formano a causa dello scorrimento di masse d’aria più calde e umide sopra la superficie ancora fredda (per via della stagione) del mare. Di giorno, poi si dissolvono lasciando spazio a maggiori schiarite.

METEO, TRA NEBBIA, INQUINAMENTO E SOLE AL SUD ESTIVO

INQUINAMENTO – La mancanza di ventilazione per giorni e giorni favorisce il ristagno delle sostante inquinanti che, soprattutto a causa dell’alta pressione, rimangono “schiacciate” nei bassi strati dell’atmosfera con ripercussioni sulla nostra salute (malattie respiratorie etc).

E’ opportuno quindi consultare le nostre mappe esclusive per scoprire in ogni momento la qualità dell’aria nella propria zone di interesse: nell’immagine proposta di seguito si può notare come la Pianura Padana risulti altamente inquinata nei prossimi giorni specie nelle grandi città come: Torino, Milano e Verona.

Non andrà meglio nemmeno al Centro dove sono previsti alti livelli di inquinamento a Firenze e Roma.

Qualità dell'aria scadente in tanti settori del Nord Italia

Rimani aggiornato con i link rapidi di previsioni

Articoli Correlati

Back to top button