NEWS

Nuovo Decreto Sostegni: bonus, tra gli altri, anche ai collaboratori sportivi? Ecco i dettagli

Bonus per i collaboratori sportivi sì oppure no? Il velo dell’incertezza che da quasi due mesi avvolge il mondo dei lavoratori sportivi che attendono le indennità maturate in questi primi tre mesi del 2021 è stato tolto dal premier Mario Draghi che, nella conferenza stampa di questo pomeriggio al centro vaccinale di Fiumicino, ha annunciato i provvedimenti decisi dal governo per quanto riguarda gli aspetti sanitari della pandemia, con le nuove misure restrittive per il contenimento dei contagi, e anche quelli economici sui sostegni alle varie categorie penalizzate con le chiusure di questi mesi inseriti nel Decreto Legge che la prossima settimana verrà discusso in Parlamento. 

DECRETO SOSTEGNI

«Il decreto – ha detto Draghi in un passaggio della conferenza – che comprende tutte le altre misure di sostegno all’economia è previsto per la settimana prossima. Per questo i 32 miliardi già autorizzati sono interamente impegnati. Ma non basta. Ho intenzione di proporre al Parlamento, in occasione della presentazione del Documento di Economia e Finanza, un nuovo scostamento di bilancio. Le misure previste nel decreto legge sono corpose, coprono una platea più ampia e arriveranno rapidamente.

PROVVEDIMENTI PIU’ SIGNIFICATIVI

Tra i provvedimenti più significativi, c’è il prolungamento della cassa integrazione guadagni, un più ampio finanziamento degli strumenti di contrasto alla povertà, per sostenere i “nuovi poveri”, coloro che sono diventati maggioranza nelle file della Caritas. Agli autonomi e alle partite IVA che hanno patito perdite di fatturato riconosceremo contributi in forma più semplice e immediata, senza criteri settoriali».

DECRETO RISTORI

Perciò il premier conferma che i 32 miliardi contenuti nel Decreto Ristori di gennaio, che il governo Conte non riuscì a rendere operativo per la crisi aperta da Renzi, sono “impegnati”, ossia non viene toccata la destinazione così come era stata prevista dal precedente esecutivo all’interno del quale decreto erano previsti i bonus dei collaboratori ma anche i contributi a fondo perduto per le Associazioni Sportive Dilettantistiche e le Società Sportive Dilettantistiche. 

CONSIGLIO DEI MINISTRI, VALENTINA VEZZALI – NOVITA’ DAL DECRETO SOSTEGNI

Sempre oggi il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera alla nomina di Valentina Vezzali nuovo sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo Sport. «Confidiamo che una campionessa della sua statura, appassionata e profonda conoscitrice del mondo sportivo, si dimostrerà all’altezza di questo importante incarico – dichiarano le deputate e i deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura – L’auspicio è di lavorare proficuamente con la neosottosegretaria per dare le doverose, urgenti risposte che il settore dello sport attende. Dai ristori alle palestre e piscine, dai bonus ai collaboratori sportivi a un piano di riapertura di tutte le attività il prima possibile e secondo adeguate norme di sicurezza».

EX MINISTRO DELLO SPORT

Qualche giorno fa lo stesso ex Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, era tornato, attraverso una diretta instagram, sul tema dei bonus ai collaboratori (per i quali in origine era previsto un versamento unico per una cifra che comprendesse i mesi di gennaio, febbraio e i primi 5 giorni di marzo) in vista delle decisioni del governo Draghi: «Il Decreto Sostegno? È in dirittura d’arrivo – dice l’esponente dei M5S – noi avevamo già presentato le nostre proposte che comprendevano non solo i bonus per tutto il periodo da inizio anno ad oggi, ma anche i contributi a fondo perduto per ASD e SSD e poi c’era tutta la parte legata al credito d’imposta.

Avevamo preso in considerazione i problemi che erano emersi soprattutto per le partite IVA, voglio inoltre chiarire a chi oggi chiede spiegazioni sul perché non abbiamo provveduto ad approvare i ristori prima che cadesse il Governo. In primis chi ha aperto la crisi non è che ci ha avvisato per tempo, poi come esecutivo la nostra priorità è stata quella di mettere in sicurezza i soldi, i 32 miliardi dello scostamento di bilancio, salvo poi procedere con i ristori per aree di intervento. Caduto il Governo dunque non avevamo il potere di dare il via libera a provvedimenti così importanti per somme così ingenti.

SETTIMANA CRUCIALE

Questa settimana può essere quella cruciale per cercare di ottenere all’interno del decreto sostegno i provvedimenti necessari, fermo restando che rimane il problema grande, grandissimo, delle riaperture, ma state vedendo che la situazione si sta facendo sempre più complicata, state vedendo che le varianti del virus sono veramente una cosa sconvolgente, la somministrazione dei vaccini ha avuto le difficoltà che tutti sapete e quella resta la soluzione vera per uscire dalla pandemia». 

DECRETO SOSTEGNI, IL PENSIERO DI UMBERTO CALCAGNO

Il presidente AIC, nonché vice-presidente federale, Umberto Calcagno, ha di recente inviato al presidente del consiglio Mario Draghi una lettera in cui chiedeva conferma dei provvedimenti a sostegno dei lavoratori sportivi: «Il bonus ai collaboratori sportivi, insieme ai provvedimenti di sostegno di carattere più generale per tutto il nostro comparto  ha avuto un’importanza fondamentale per garantire il sostentamento di atleti e atlete che, loro malgrado, sono impossibilitati a svolgere le prestazioni lavorative sportive in competizioni sospese a causa della recrudescenza della pandemia».

Rimani aggiornato con i link rapidi di previsioni

Articoli Correlati

Controlla anche
Close
Back to top button